Categorie
Senza categoria

IL FUTURO CHE VERRA’

Milano é tornata in lockdown. Era tutto pronto per cominciare il campionato invernale del Csi, avevamo consegnato le maglie stampato le distinte per la prima partita e tutto ancora una volta è stato bloccato. Questa ennesima chiusura è dura da digerire, questa seconda fase sarà più dura e più faticosa della prima della scorsa primavera. Lo sarà sul piano umano e personale per ciascuno di noi. Lo sarà per ogni società sportiva che dovrà riprendersi dalla “mazzata” di aver assaporato la ripartenza e di ritrovarsi invece a vivere un nuovo e pesante stop. Lo sarà per le squadre del Barbarigo che arrivavano da mesi di impegno e fatica nella speranza di poter riprendere il campionato ed una vita serena. Ora ci troviamo a sperare di ripartire a gennaio, soprattutto in sicurezza. Adesso siamo tutti disorientati. La rassegnazione, lo sconforto, l’inquietudine circolano nell’aria e rischiano di infilarsi nel cuore e nella testa di ciascuno di noi. Di fronte a questo scenario cosa facciamo? La proposta del Barbarigo e del Csi é chiara e concreta ……Non molliamo …..e siamo già orientati alla nuova ripartenza . Nelle nostre riunioni su Meet ci stiamo preparando per aiutarvi ad arginare la paura, il disorientamento, la solitudine esistenziale. che si diffondono forse più veloci del virus stesso. 

Ci sarà tempo di riparlare di campionati, di quote, di formazioni, di materiali ,di tesseramenti ma adesso dobbiamo pensare al bene delle nostre squadre ed a quello dei nostri ragazzi. Abbiamo tutti bisogno del sostegno e della forza degli altri per sentirci abbastanza vivi e forti per poter sostenere i ragazzi e le famiglie.  Questo è un tempo nel quale misurare la nostra resilienza. La resilienza é quella capacità di un metallo non solo di non spezzarsi di fronte a colpi e pressioni, ma di accumulare in quella fase energia che poi rilascerà. Vietato mollare e farsi cogliere dalla rassegnazione. Insieme, un centimetro alla volta, senza fretta e con prudenza usciremo migliori da questa sfida epocale. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *